Trading a capitali ridotti: introduzione

Se confrontiamo le possibilità di trading odierne con quelle di dieci anni fa, si nota immediatamente quanto oggi ci siano maggiori opportunità anche per chi dispone di capitali esigui. Si può dire senza alcun dubbio che l’industria del trading on line e della finanza in generale abbiano fatto un gran lavoro per reclutare polli sempre freschi da spennare!

Volendo fare una breve cronistoria, potremmo dire che in principio c’erano i lotti fissi che obbligavano all’acquisto di quantità minime di azioni. Con la bolla tecnologica del 2000, quando tutti volevano buttare i propri soldi in Borsa sperando di moltiplicarli, sono stati tolti i lotti minimi e hanno preso piede i covered warrant. Per rendere ancora più forte l’illusione che chiunque potesse arricchirsi (col fine invece di racimolare quanto più capitale possibile) è stata regalata anche al pensionato BOT dipendente la possibilità di operare con la leva finanziaria. Non si compravano più azioni: s’impegnavano dei margini, camuffando volutamente il sottostante. Questo processo è diventato col tempo sempre più vivo e fantasioso, al punto che è andata definendosi la famigerata “finanza creativa”, che consente a chiunque di dare i propri risparmi a società che investono in prodotti a volte non direttamente identificabili e i cui rendimenti sono dipendente da una pluralità di condizioni. Il risparmiatore non sa in cosa investe e non potrà mai capire le logiche del profitto o della perdita, mentre l’intermediario guadagna sempre perché incassa i costi di gestione indipendentemente dai risultati che consegue.

Nell’analizzare seppure sommariamente questo processo evolutivo della finanza, si può notare come la vittima più sofferente sia l’investitore, soprattutto quello medio – piccolo, che si avvale dei consigli della propria banca. Il grande investitore, proprio per l’ammontare dei capitali in gioco, può permettersi di pagare dei consulenti specializzati che, alcune volte, possono anche portare dei vantaggi alla gestione patrimoniale. Anche un piccolo investitore può avvalersi di un consulente esterno indipendente, ma spesso il costo supera il beneficio, senza contare che la motivazione del consulente è bassa per via delle ridotte poste in gioco. Se queste sono le vittime principali, i carnefici sono coloro che gestiscono i risparmi: le banche in primis, passando per ogni istituzione finanziaria che vive sfruttando il denaro altrui.

In questo scenario, un ruolo molto particolare è rivestito dai traders on line. In linea di massima sono vittime, ma è bene precisare che sono vittime di sé stessi. Questi soggetti hanno il merito di avere capito che la soluzione alla grande truffa della finanza contemporanea è quella di fare da sé. La molla che spinge i più è la seguente: “Perché far gestire il frutto del mio lavoro (il denaro) a soggetti che mi propongono rendimenti nulli o in alternativa procurano perdite costanti?”. Altri soggetti sono invece spinti dal desiderio dei facili guadagni, o più semplicemente dall’Avidità, la madre della speculazione di borsa e il motore dei mercati finanziari assieme alla sorella Paura. Il fai da te è sicuramente un’ottima soluzione, ma poiché l’industria del denaro non vuole rinunciare ai capitali di questi dissidenti, ha inventato nuovi prodotti anche per questi ultimi. Ecco quindi nuove trappole in un percorso che non ha mai fine.

A questo punto ci domandiamo: è possibile dire “Stop” a questo percorso? Fortunatamente è possibile, e la soluzione è più semplice di quanto possa sembrare. La soluzione è quel fattore che consente ai dissidenti di smettere di essere vittime di sé stesse e di prendere in mano il proprio destino. Nel prossimo articolo scopriremo qualcosa in più.

Info TradingProfittevole
Mi chiamo Luca Novello. Mi sono laureato in Economia Aziendale nel 2001 all’università Ca’ Foscari di Venezia. Studio i Mercati Finanziari dal 1998 e dall’anno successivo ho iniziato ad effettuare le prime operazioni in Borsa sulle azioni del mercato italiano. Terminata l’università, ho maturato un’esperienza professionale come Controller, continuando parallelamente gli studi in ambito finanziario. Ho frequentato corsi di formazione e lavorato assieme con alcuni noti trader italiani e americani, acquisendo una buona conoscenza in molti ambiti necessari al trading. In particolare, ho appreso l’analisi tecnica, il money e risk management, le caratteristiche e il funzionamento dei vari strumenti finanziari, dei mercati in cui essi sono negoziati e dei meccanismi (a volte chiamati segreti) sottostanti. Ho sempre coltivato il sogno di diventare un trader di professione, affascinato dalle opportunità che questo lavoro può offrire. Il passo decisivo l’ho compiuto nel 2006, quando, dopo anni di trading part time, sono diventato un trader full time. Attualmente lavoro utilizzando sia Expert Advisor per trading automatico che approcci di tipo discrezionale (entrambi di mia ideazione); tra gli strumenti finanziari, prediligo le valute (Forex), i futures (EUREX e CME) e, in minor misura, le azioni. Nel 2009 ho deciso di creare il sito TradingProfittevole. Tramite questo sito offro alcuni servizi, principalmente di formazione, che consentono ad un trader, o aspirante tale, un notevole risparmio di tempo nel raggiungimento dei propri obiettivi. Uno dei problemi più grandi che riscontro in questo lavoro è, infatti, la moltitudine di informazioni e conoscenze divulgate, spesso di scarsa qualità, e comunque difficilmente coordinabili e applicabili per la creazione di un piano di trading efficace. Il mio obiettivo è quindi di aiutare i traders a realizzare profitti costanti dall’attività nei mercati finanziari al fine di ottenere una crescita reale del proprio capitale. Per raggiungere questo scopo fornisco alcuni strumenti, conoscenze, chiavi di lettura che consentono di eliminare gli errori di fondo in modo da garantirsi un vantaggio competitivo nel mercato. Non esiste un metodo perfetto e non esiste un approccio univoco ai mercati. Il mio approccio è di tipo tecnico: studio pertanto i grafici piuttosto che i bilanci delle aziende o i dati macroeconomici. Tuttavia, se penso all’analisi tecnica tradizionale, la domanda che mi pongo è: com’è possibile guadagnare col trading prendendo decisioni basate sui grafici e osservare solo il prezzo che questi ci mostrano? Un grafico di borsa ha tre componenti: prezzo (asse verticale), tempo (asse orizzontale) e volumi (diciamo… la terza dimensione) Partendo da qui, l’approccio utilizzato non si limita allo studio della pura e semplice azione del prezzo (price action), ritenuta ormai insufficiente a garantire un vantaggio rispetto all’operatività degli investitori professionisti (fondi di investimento, banche d’affari, ecc.); è necessario combattere ad armi pari e pertanto ritengo di fondamentale importanza integrare la price action con lo studio del tempo (analisi ciclica) e dei volumi (flussi di liquidità).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: